Quo Vado? Un percorso per giovani alla 
ricerca di senso in un mondo 
che cambia velocemente


Presentazione “QUO VADO” ?

Quo Vado ? Martedì 20 ottobre 2020 alle ore 18 PRESENTAZIONE “Quo Vado? Un percorso esperienziale di orientamento vocazionale in 4 passi” REGISTRATI PER RICEVERE IL LINK ZOOM E PARTECIPARE !

E’ in partenza la quarta edizione del percorso “La via dell’Ikigia: tra essere e agire”

Molti anni fa lo psicologo e filosofo austriaco Viktor Frankl scriveva “la volontà di significato non è un impulso che spinge l’uomo alla ricerca di un senso della vita, ma è una condizione a priori dell’esperienza come tale, che accompagna tutta la vita dell’uomo”.

Secondo Frankl, diventato famoso per la drammatica esperienza di essere internato in un lager nazista, quando l’individuo non si sente significativo, cerca compensazione o in gratificazioni artificiali, o in comportamenti di potenza distruttivi ed autodistruttivi.

La ricerca di una vita piena di significato è quindi il presupposto per una vita felice e per contribuire al benessere delle persone che ci circondano. Alla stessa conclusione era giunta la cultura giapponese definendo il concetto di Ikigai.  Tutte le informazioni per iscriversi

Continua a leggere

Quo Vado? Un percorso per giovani alla 
ricerca di senso in un mondo 
che cambia velocemente


Presentazione “QUO VADO” ?

Quo Vado ? Mercoledì 16 settembre 2020 alle ore 21 PRESENTAZIONE “Quo Vado? Un percorso per giovani alla 
ricerca di senso in un mondo che cambia velocemente
” REGISTRATI PER RICEVERE IL LINK ZOOM E PARTECIPARE !

Elementi della teoria-U per orientarci in un mondo che cambia

Abbiamo vissuto con disorientamento e paura la fase del lockdown causata dalla pandemia COVID-19. Molti hanno percepito e vissuto questo periodo come il crollo repentino del proprio mondo.

Ma il CODIV non è certo la solo fonte di incertezza. Da decenni l’umanità si trova in un vortice di emergenze e di pericoli che la sfidano nel trovare nuove soluzioni per assicurare la sopravvivenza propria e delle prossime generazioni.

Continua a leggere

Visioni emergenti dal vortice del cambiamento

Workshop “Visioni emergenti dal vortice del cambiamento”

Nascita della Permacultura personale e sociale

Parlare di permacultura umana e sociale non è mai così ovvio.

Chi vuole comprenderne meglio il significato e l’evoluzione può leggere un articolo apparso sul sito “Permacultura & Transizione”.

Eccone un estratto:

” (…) Quel nucleo primario della permacultura successivamente si è esteso ed allargato, inglobando prima la progettazione delle fattorie agricole, per poi arrivare a trovare applicazioni a tutti gli insediamenti umani.

La sostenibilità totale applicabile ad ogni tipo di attività antropica, ha avuto una conseguenza inevitabile e meravigliosa allo stesso tempo: ha obbligato Mollison e Holmgren ad occuparsi, e intessere connessioni funzionali, tra l’agricoltura e tantissime altre discipline del sapere umano. La progettazione sistemica con gli strumenti offerti dalla permacultura è sostenuta da una visione del sapere umano non separato, ma integrato e integrabile.

Architettura, ingegneria, biologia, ecologia, sicuramente sono state le prime discipline coinvolte.

Ma nel momento in cui si è portato l’interesse agli insediamenti umani, ai villaggi, alle città è evidente quanto fosse necessario un ulteriore salto, arricchendo la permacultura delle competenze specifiche dell’area umanistica come l’antropologia, la sociologia e la psicologia. (…)”

Per leggere l’articolo completo su “Permacultura & Transizione”

Sito ufficiale “Scuola Permacultura umana”

E’ nata la Scuola di Permacultura Umana

Albero della Vita – ETS insieme a Permacultura & Transizione presenta un importante progetto: nasce la scuola di Permacultura Umana.

Un viaggio della durata di un anno per favorire nei partecipanti un’esperienza profonda nelle radici della nostra umanità, riconoscendo che sono le stesse degli ecosistemi naturali di cui siamo parte integrante.
Un percorso progettato per imparare a prendersi cura delle persone, dei gruppi, delle comunità, partendo dalla cura di sé e prendendo ispirazione dai sistemi naturali, che da 4 miliardi di anni continuano ad evolvere con grande vitalità e biodiversità.
Un corso pensato per chi desidera integrare, arricchire, mettere a sistema competenze “umanistiche” utilizzabili in progetti personali, imprenditoriali e sociali.

Lo scopo del Corso non è solo quello di far conoscere e sperimentare metodi e atteggiamenti utilizzabili nelle relazioni personali e nei gruppi di lavoro, ma anche quello di favorire la creazione di relazioni empatiche ed accoglienti, di stimolare l’intelligenza collettiva presente nel gruppo, di creare un “ecosistema” che permetta di apprendere insieme ad esplorare la complessità della vita e dei sistemi sociali attingendo a livelli di comprensione più ampi rispetto a quelli individuali.

Per leggere questo articolo in forma estesa

Vai al sito della scuola Permacultura umana

Corso di Permacultura umana: una didattica che tiene al centro la persona

Per decidere di iscriversi ad un corso annuale è importante capire a fondo cosa e come si svolgerà il percorso formativo.

Ecco alcuni spunti riguardanti

” (…) troppe volte nei gruppi e nelle organizzazioni l’obiettivo comune, semmai anche molto importante e pieno di valore etico, mette in secondo piano, fino a trascurare, la cura delle persone che vi fanno parte. La dimensione cuore porta l’accento su un fatto molto semplice: se vogliamo veramente cambiare e migliorare il mondo bisogna porre molta attenzione anche al modo in cui agiamo, non solo al risultato. Continua a leggere

Libro "Ingredienti per l'intelligenza collettiva" Francesco Pifferi - Esther Smith - Massimo Giorgini

Presentazione del libro: Ingredienti per l’intelligenza collettiva

PER FACILITARE EFFICACI RIUNIONI ON LINE

Da quando tutto si è fermato a causa della pandemia del coronavirus il mondo, tutti noi, ci siamo adattati – secondo le differenti situazioni e contesti – alle limitazioni della mobilità generate dal lockdown imposto dalle autorità in termini cautelativi .

Per quelli che professionalmente erano abituati ad interagire in team e gruppo questo ha voluto dire spostare la quasi totalità delle riunioni e degli incontri su piattaforme quali Skype, Zoom, o Jitzi, solo per citarne alcune. Ma ne esistono molte altre ancora. Continua a leggere